L’ipotesi del male


download

Autore: Donato Carrisi

Tipologia: Thriller

Luogo: Stati Uniti d’America

Filo conduttore: Persone scomparse che ritornano per uccidere

Ambientazione: L’ambiente investigativo dell’F.B.I.

Protagonista: Mila Vasquez agente polizia federale

Narrazione: In terza persona

Cosa impari dopo averlo letto: Che esistono molti mondi paralleli al nostro

Giudizio nero:  Amaro noir indimenticabile

A volte ci sono delle persone che vogliono solo scomparire, che non sono più in grado di stare in questo mondo. E se un giorno qualcuno proponesse loro una nuova vita? E se un giorno qualcuno le facesse tornare indietro da quella nuova vita? Il libro di Donato Carrisi trascina il lettore in un modo parallelo, dove tutto ciò che accade sembra si possa toccare con mano, anche se nessuno si sognerebbe mai di toccarlo. La scrittura incalza come ne “Il suggeritore”, i personaggi ritornano anche loro dalle pagine di quel libro, la suspance è palpabile, la trama articolata invece sfugge via fra mille indizi, proprio come dev’essere un giallo vero. Nel libro si parla di uccisioni seriali, o meglio di una serie di uccisioni per mano di persone scomparse per decenni e che improvvisamente e inspiegabilmente sono tornate per uccidere. Toccherà all’agente del F.B.I. Mila Vasquez cercare di capire cosa sta succedendo, e sarà sempre lei a tuffarsi in quel pericolo che la richiama a sé come fosse una necessità fisica, una ricerca del buio che l’avvolge e la sostiene. Ad aiutarla solo Simon Berish un collega reietto che ha fatto dell’autoesclusione una corazza per sopravvivere nel mondo delle etichette preconfezionate. Sarà nella sequenza di morti che affiorano i primi indizi, prima labili e poi man mano più consistenti, più inequivocabili, che non possono più essere ignorati, che non posso più essere confusi, e allora alla fine molti aspetteranno la telefonata, quella telefonata che sembra essere l’unica porta per entrare in quel mondo sconosciuto.

 

Perchè leggerlo: Per ritrovare i personaggi de “Il suggeritore” in un libro che vale quanto e più del primo

Perchè non leggerlo: Non adatto ai deboli di cuore

Cos’ho pensato quando l’ho finito: Non vedo l’ora del prossimo libro

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...