L’anatomista


L'anatomista

Autore: Diana Lama

Tipologia: Thriller

Luogo: Napoli

Filo conduttore: L’indagine per scoprire un serial killer

Ambientazione: La follia della mente umana

Protagonista: Artemisia Gentile (Mitzi)

Narrazione: In terza persona

Cosa impari dopo averlo letto: Che la mente umana può essere folle

Giudizio nero:  Amaro noir indimenticabile

L’anatomista è un libro che si legge con un brivido constante che percorre il corpo intero. E come poteva essere diversamente considerato il titolo? Diana Lama prende il lettore e lo trascina con se in un opera davvero con i fiocchi, un vero thriller carico di suspance, ma anche un giallo con indizi ben presenti. Il gioco che l’autrice fa con il lettore scorre veloce pagina dopo pagina e le domande si susseguono dando molteplici risposte fino a giungere alla verità finale. Artemisia Gentile, che quasi tutti chiamano Mitzi, è una psicologa dal passato oscuro, che neppure lei sa quanto sia suggestione e quanto sia verità. Ma è quel passato che l’ha resa ciò che è oggi, è quel passato che la coinvolge in questa delicata indagine. Inserita in una squadra speciale capitanata da Tito Jacopo Durso, cercherà di scoprire chi dissemina la città di Napoli di cadaveri orrendamente mutilati, ognuno dei quali sarà privo di qualcosa.

Chi è quello che i giornalisti hanno battezzato con il nome di Anatomista? Qual’è il suo scopo? Un gioco macabro che questo folle sembra però condurre lucidamente, un gioco che sembra pianificato fin nei minimi dettagli. Sempre un passo avanti alla squadra come se conoscesse le sue mosse, come se quelle mosse fossero state previste. Mitzi si troverà a lottare con i fantasmi del passato e con le paure del presente in un connubio che sembra avere una continuità senza fine se non nell’ultima pagina.

Forse.

 

Perchè leggerlo: Perché è un Thriller con la T maiuscola

Perchè non leggerlo: Perché ci si può impressionare

Cos’ho pensato quando l’ho finito: Scioccante e bellissimo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...