Operazione Milano Calibro Noir 2013 #7


LOCANDINA MILANO CN2Stasera l’intervistato è uno tra i più importanti “noiristi” milanese. Quindi vi conviene leggere l’intervista!

Tre domande a : Raul Montanari

Noir Italiano: Qual’è stato il romanzo che ti ha fatto dire “voglio fare lo scrittore!”?

Più di uno. Forse Il Processo di Kafka, che considero tuttora il manifesto del Novecento. Sono fra quelli che pensano che Kafka sia stato il più grande di tutti i tempi, ammesso che questa affermazione abbia un senso (e non ce l’ha). Dio si incarna sempre negli ebrei, mai nei bergamaschi! Purtroppo.

Noir Italiano: Quando ti chiedono “ma come fai a scrivere certe cose, dove le prendi le idee”, tu cosa rispondi?

Ogni scrittore ha a disposizione tre magazzini. Il primo in cui guardare è la tua vita, le esperienze di prima mano. Vantaggio: sono cose che conosci bene; svantaggio: spesso tutto nella tua vita ti sembra importante, al punto che diventi poco selettivo e non ti chiedi se quella certa cosa interesserà anche al lettore. Il secondo magazzino è quello della vita degli altri, le cose che puoi conoscere perché qualcuno te le racconta faccia a faccia. E’ ottimo. Il terzo contiene tutto il resto: quello che apprendi dai media, dai libri e così via. Va usato con cautela e con molti controlli.

Noir Italiano: Sono un tuo lettore. Convincimi a venire ad ascoltarti a Milano Calibro Noir (sperando che non ci vengano solo i tuoi parenti) 

Come si nota dalla risposta numero due, quando parlo in pubblico non parlo mai solo di me! Per questo può essere interessante, per chi ama i libri, venire ad ascoltarmi e magari interloquire pure.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...