I misteri italiani secondo Brunoro&Pezzan


0022e80a_mediumGiacomo Brunoro e Jacopo Pezzan sono i creatori di una serie di audiolibri molto interessanti. Il tema è l’approfondimento dei misteri italiani (e di materiale non ne manca). Li abbiamo invitati per farci spiegare meglio la loro attività.

Noir Italiano: Bentornati G&J, come sempre lo Spritz è di rigore!

Brunoro&Pezzan: Grazie a te Omar!

Noir italiano: Com’è nata l’idea di raccontare i misteri italiani?

Jacopo Pezzan: Siamo sempre stati affascinati dall’aspetto intellettuale dei misteri della cronaca nera, soprattutto quelli che ormai sono diventati parte dell’immaginario collettivo. In poche parole i misteri della cronaca sono una grande sfida per chi li affronta ma anche per il lettore: ci sono tutte le pedine del puzzle sul tavolo ma nessuno riesce a metterle tutte in ordine e a completare il disegno.

NI: Perché, invece della forma scritta, avete preferito gli audiolibri?

Giacomo Brunoro: L’audiolibro permette di creare un effetto avvolgente. Con l’aiuto di pause, musiche ad hoc e di effetti sonori appositamente studiati siamo in grado di catapultare l’ascoltatore all’interno della storia.

NI: Qual è stato il lavoro che avete dovuto fare per reperire le informazioni?

Jacopo Pezzan: In fase di studio facciamo un lavoro a 360°: dalla raccolta dei dati online, sui testi pubblicati o negli archivi, alle interviste con le persone coinvolte nei casi che trattiamo.

NI: La differenza tra raccontare un “mistero” su carta e con un audiolibro?

Giacomo Brunoro: E’ un po’ la stessa che c’è tra scrivere un saggio o un romanzo e fare una sceneggiatura per un film. L’audiolibro ha un ritmo e delle tempistiche tutte sue e quando scrivi devi tenerne conto, altrimenti rischi di annoiare l’ascoltatore o, peggio ancora, di creare un qualcosa troppo pesante da ascoltare. Per certi aspetti la preparazione di un audilibro è più “vincolata” rispetto ad un normale testo scritto perché ci sono più variabili da tenere in considerazione.

NI: L’Italia è un paese di grandi misteri. Il più sconvolgente, il più interessante e quello che è stato tenuto nascosto meglio?

Jacopo Pezzan: Il più sconvolgente e’ sicuramente il caso del Mostro di Firenze per la brutalità e l’efferatezza dei delitti ma anche perché va contro  tutte le teorie classiche sui serial killer, anzi possiamo dire tranquillamente che il caso del Mostro stravolge ogni teoria. Tutti i casi che approfondiamo sono in qualche modo interessanti altrimenti non ce ne occuperemo, ma tra questi alcuni sono sicuramente più affascinanti se possiamo usare quest’espressione. Il caso di Emanuela Orlandi ed il delitto di via Poma sono tuttora due dei casi che non ci fanno dormire la notte: in qualche modo sentiamo che una svolta è vicina anche se è difficile dire quando questo accadrà. Non sono sicuro che si possa usare l’espressione “tenuto nascosto” ma sicuramente il caso di Ludwig è uno di quei casi di cui si e’ parlato relativamente poco nonostante abbia molti aspetti tuttora poco chiari. Un altro caso poco noto è quello del cosiddetto Mostro di Udine, un serial killer sanguinario e che abbiamo iniziato ad approfondire e studiare ultimamente.

NI: Com’è stata la reazione del pubblico ai vostri audiolibri?

Giacomo Brunoro: Direi ottima, il nostro pubblico ha apprezzato fin da subito il nostro format fatto di un sound design molto studiato ma mai predominante rispetto alla narrazione. Abbiamo già superato le 15mila copie vendute da dicembre 2010 ad oggi per quanto riguarda gli audiolibri piazzando diversi titoli al top delle classifiche internazionali di riferimento. Inoltre siamo tra i pochi sul mercato italiano a produrre audiolibri utilizzando più voci (a volte anche 4 speaker si alternano nello stesso audiolibro), il tutto per dare più ritmo all’ascolto e per creare un effetto il più realistico possibile.

NI: Come possono fare i lettori a reperire i vostri audiolibri?

Jacopo Pezzan: Abbiamo siglato un contratto in esclusiva su Audible quindi i nostri titoli per gli utenti italiani sono disponibili su iTunes Store di Apple oppure su Amazon.com

NI: A quando una versione in inglese, per far conoscere i misteri italiani oltre le Alpi?

Giacomo Brunoro: Per il momento sono disponibili in inglese Il Mostro di Firenze (The Trues Stories of The Monster of Florence) e Amanda Knox e il delitto di Perugia (Amanda Knox and the Perugia Murder), pubblicati entrambi nel 2011, ma visti gli ottimi risultati di vendita soprattutto nel mercato USA torneremo presto online con nuovi titoli.

NI:Vi ringrazio. Sintetizzate un mistero italiano (a scelta) in una frase…

Giacomo e Jacopo: Tutto quello che sai sul Mostro di Firenze è falso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...