Un anno di Noir Italiano


Non amo i festeggiamenti e le ricorrenze (anche il mio compleanno mi pesa). Soprattutto non mi piace tirarmela. Però un cenno al fatto che oggi si compia il primo anno di vita di Noir Italiano, non posso non farlo.

Il 13 Febbraio 2012 esordivamo con una recensione su un romanzo di Massimo Carlotto. Siamo entrati nella blogosfera e nel mondo del noir in punta di piedi e in questo modo vogliamo rimanerci. Senza dare fastidio, senza montarci la testa, raccontando il noir e promuovendo autori, eventi e cercando di diffondere cultura, poiché siamo fermamente convinti che il sapere renda liberi.

In quest’anno di duro ma appagante lavoro abbiamo letto un sacco di romanzi, conosciuto un fracco di gente simpatica, che merita di essere conosciuta, persone alla mano, disponibili e davvero illuminanti. Abbiamo scritto tanto, dato voce ad autori, editori e semplici appassionati, lanciato rubriche, consigliato i lettori. Abbiamo ricevuto complimenti, critiche, insulti, strette di mano, proposte di collaborazione e pacche sulle spalle.

Un anno di Noir Italiano. Se mi avessero detto, quando ho aperto il blogghettino, che avrei festeggiato un anno di attività con una media di 1,7 articoli giornalieri (compresi i weekend), avrei risposto di smettere di farsi le canne. Eppure il lavoro, che spero serio, appassionato e imparziale, che abbiamo creato in questi 365 giorni, ha trovato il modo di creare il suo piccolo spazio nel mondo del noir in Italia. E a me sta bene così.

Vorrei ringraziare tutti gli autori che hanno mostrato disponibilità alle interviste, contributi, recensioni. In particolar modo grazie a Novelli&Zarini, Riccardo Besola, Piergiorgio Pulixi, Loriano Macchiavelli, Massimo Carlotto e a Marilù Oliva. Grazie alle case editrici che mi hanno inviato a casa tanto di quel materiale da farmi spaventare per la mancanza di spazio. Soprattutto quel belinone di Carlo Frilli. Grazie agli addetti ai lavori, agli uffici stampa, ai collaboratori. Grazie all’amico e fratello Marco AK Parisi, per aver creato il logo del blogghettino e per avermi seguito nell’avventura in radio. Grazie a Marco Ischia per i suoi numerosi contributi e per quello che sta facendo per questo blogghettino. Grazie a Valeria Floris per gli articoli sul noir mediterraneo, presenti e futuri. Grazie a Valerio Villa, per essere il miglior editore che uno scrittore possa avere. Grazie a Fabio Rech e a Mwradio.it, per aver creduto nel progetto del programma radiofonico Calibro Note. Grazie a tutti gli autori che hanno partecipato alla sfida letteraria de #ilnoiraitempiditwitter. Grazie a Daniela Basilico, per avermi fatto salire sul palco, quella sera a Milano. Grazie ai lettori, sia sul blogghettino che della pagina Fb, perché alla fine anche io scrivo per essere letto e senza di voi non servirei a niente.

E grazie a Elena. Per il supporto, per avermi seguito sempre e comunque anche se del noir non t’importa niente. Grazie per esserti entusiasmata, avermi sostenuto, frenato, criticato e incoraggiato. Grazie per i tuoi sorrisi di felicità alle buone notizie, grazie perché tutte le sante mattine che dio manda in terra metti su facebook il link all’articolo che esce. Grazie per essere tu, così come sei. Dici sempre che non fai niente ma senza di te, questo blogghettino non esisterebbe. Le belle cose vanno condivise.  E’ per questo che ti sposo.

Omar Gatti

Curatore di Noir Italiano

Advertisements

3 risposte a “Un anno di Noir Italiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...