L’ironia della scimmia


Autore: Loriano Macchiavelli

Tipologia: Noir

Luogo: Bologna – L’Aquila

Filo conduttore: Indagine sulla scomparsa di un dipinto e di una ragazza

Ambientazione: il mondo dei poteri forti

Protagonista: Sergente di Polizia

Narrazione: Un narratore esterno presente alla scena

Cosa impari dopo averlo letto: Che pochi autori sanno stare al passo con i tempi. Macchiavelli è uno di questi

Giudizio nero: Oui, je suis Maigret

Il problema più grande dei personaggi seriali è quello di apparire ripetitivi, di non sapersi adeguare ai tempi che cambiano, sintomo del fatto che nemmeno l’autore ci sia riuscito. Macchiavelli invece si conferma un autore versatile e attento al mondo che lo circonda. Il nuovo episodio di Sarti Antonio non delude e non ripete, semplicemente inanella un’altra avventura del questurino bolognese.

Sarti Antonio è sfigato. Si ritrova come amica una certa Rasputin, ladra di auto e fidanzata del dottor Messini, elegantone in stretti rapporti con l’ispettore capo Raimondi Cesare. In poche parole il questurino le prende da tutte le parti. Si ritroverà invischiato in un’indagine che lo condurrà a L’Aquila, tra terroristi islamici, quadri raffiguranti scimmie sorridenti che risultano scomparsi e intrighi troppo grandi per lui, dove il denaro e il potere si mescolano e diventano cattivi.

Ritrovarsi tra le mani un nuovo romanzo con protagonista Sarti Antonio è sempre un piacere. per me è come sentir di nuovo parlare di un amico. Il tono tenuto da Macchiavelli è però molto critico, sia nei confronti della sua Bologna che dell’Italia in generale. Non si sprecano le staffilate, le freddure e le critiche aperte. In questo il romanzo si rivela un noir davvero intenso, perché tratta un tema che (dopo il solito tran tran dei primi mesi) appare come dimenticato: la ricostruzione de L’Aquila post-terremoto. Macchiavelli la descrive come una città scheletro, piena d’impalcature e ponteggi, senza più anima nè vita, destinata a morire d’inedia e a divenire un rudere dimenticato.

Il nuovo romanzo di Sarti Antonio non risente nè dell’età nè del tempo che passa, anche se il questurino non sa adeguarsi all’epoca dei cellulari e dei computer portatili. Le tematiche sono forti anche se, come sempre nei romanzi di Macchiavelli, vengono raccontate con una forte componente di humor che rilassa il lettore e molte volte lo fa sorridere. Unica pecca la lunghezza ma quella, si sa, è una mia fissa personale.
Bentornato, questurino.

Perchè leggerlo:  Per l’umana singolarità di Antonio Sarti, sergente

Perchè non leggerlo: Per la lunghezza, forse

Cos’ho pensato quando l’ho finito: E’ sempre un piacere ritrovarci, caro Sarti Antonio

Se l’argomento t’interessa, allora dai un’occhiata a :

Intervista a Loriano Macchiavelli

La lezione di Macchiavelli_parte 1

La lezione di Macchiavelli_parte 2

La lezione di Macchiavelli_parte 3

Recensione de “I sotterranei di Bologna”

Recensione de “Passato, presente e chissà”

Advertisements

3 risposte a “L’ironia della scimmia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...