Venere Privata


Autore: Giorgio Scerbanenco

Tipologia: Noir metropolitano

Luogo: Milano

Filo conduttore: Indagine sulla morte di una ragazza

Ambientazione: il mondo della prostituzione

Protagonista: Duca Lamberti, medico poliziotto

Narrazione: In terza persona

Cosa impari dopo averlo letto: Che il noir, in fin dei conti, è una cosa semplice

Giudizio nero:  Amaro noir (Guida ai giudizi)

Venere privata è il primo capitolo della saga del medico poliziotto Duca Lamberti. In apertura, troviamo un Duca rassegnato e stanco, appena uscito di galera dopo la condanna per eutanasia. Viene incaricato dal sig.Auseri, potente industriale brianzolo, di redimere il figlio Davide, che ha perso ogni slancio vitale. Infatti il giovane è dedito all’alcol e non ha più nessuna voglia di stare al mondo. Duca metterà in atto le “armi” che lo renderanno unico nel suo genere anche come investigatore: indagine medica e schiaffi. Per aiutare il giovane, Duca non lesina nemmeno sull’aiuto di alcune prostitute, pur di risolvere il problema che lo affligge. In un momento di lucidità, Davide racconta a Duca di aver conosciuto una ragazza in autogrill e di essere stato sedotto. Dopo aver fatto l’amore, la ragazza però aveva cominciato a piangere e a implorare aiuto. La stessa è stata poi ritrovata cadavere qualche giorno dopo e Davide non sa darci pace, ritenendosi colpevole dell’accaduto.

Grazie alle sue conoscenze nella Polizia (è infatti figlio di un commissario) Duca riesce a imbastire un’indagine che porta alla scoperta di un giro di prostituzione “privata”. Le ragazze vengono “assunte”, fotografate e poi inserite in un catalogo, reso poi disponibile a un certo tipo di clienti. Alberta, questo il nome della ragazza, era entrata nel giro e si presume sia stata fatta fuori perché voleva uscirne oppure voleva rivelare particolari compromettenti. Duca riesce a risalire a Livia Ussaro, amica della vittima, e insieme riusciranno a scovare il luogo dove vengono effettuate le fotografie. Livia si offre come volontaria ma durante le riprese viene scoperta e orribilmente sfregiata.

Scerbanenco irrompe con questo titolo sulla scena noir italiana ed è una rivoluzione. I temi trattati e la violenza con il quale l’autore li propone al pubblico sono una novità assoluta. Non più i gialli consolatori dell’epoca precedente, bensì dei noir veri e propri, molto simili all’esperienza del polar francese. Milano viene resa da Scerbanenco con un’efficacia incredibile. La città è protagonista della vicenda, così come lo è il tormentato e scettico Duca Lamberti oppure l’allegra Livia Ussaro.

Venere Privata può essere considerato uno spartiacque della produzione noir italiana. Scerbanenco riesce a provare che anche un romanzo scritto da un autore italiano e ambientato in Italia può e sa essere forte e valido quanto quelli stranieri. Per la prima volta nella storia del poliziesco all’italiana si può parlare di noir vero e proprio. Venere privata è dunque un titolo obbligato per l’appassionato del poliziesco nostrano o per chi voglia avvicinarsi al noir italiano.

Perchè leggerlo: Perché è uno dei pilastri del noir italiano

Perchè non leggerlo: Non puoi dire di amare il noir se non leggi VP

Cos’ho pensato quando l’ho finito: Scerbanenco? Peccato non averlo conosciuto prima!

Se t’interessa l’argomento, allora dai un’occhiata a:

Scerbenanco Calibro 9

Sui passi di Duca Lamberti

Il mondo di Giorgio Scerbanenco

Scerbanenco al cinema

Scerbanenco è tornato

Stazione centrale ammazzare subito

Milano noir, omaggio a Giorgio Scerbanenco

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...