I blog che raccontano il noir: “Contorni di noir”


Contorni di noir è un bel blog che si propone, esattamente come NI, di valorizzare e diffondere la cultura del poliziesco, anche se Cecilia (la curatrice) ama anche il noir estero, mentre noi siamo un po’ più nazionalisti (in senso buono, ovvio). Ho invitato Cecilia ha raccontarci la sua esperienza.

Noir Italiano: Ciao Cecilia e benvenuta a Noir Italiano. Posso offrirti un bicchiere di vino? Decidi tu…

Cecilia Lavopa: Certo, volentieri, basta che sia rosso e  fermo ;)

NI: Cosa significa per te noir?

CL: mia opinione, che coincide con quella di molti, è che il termine “noir” sia un po’ abusato ultimamente. Ogni nuovo romanzo viene etichettato come noir, ma il genere non è così diffuso come si può immaginare. Tra l’altro, le categorie ora si fondono e si mischiano. Non sono molti gli scrittori che possono arrogare questo genere, il noir “puro”. Io lo conobbi con Jean Claude Izzo, autore scomparso prematuramente a 55 anni, e mi innamorai subito di questa scrittura malinconica, introspettiva. Izzo, tra l’altro, rientra nella categoria di scrittori di “Noir mediterraneo”, un settore di nicchia che in Italia – forse – l’unico che può avere lo stesso titolo è Massimo Carlotto.

Ce ne sono vari di scrittori noir, da Léo Malet, a André Héléna, riscoperto ultimamente grazie a Aìsara, ma anche Edward Bunker, Derek Raymond, James Ellroy, Jim Thompson. Sono sicura di averne tralasciati parecchi, ma ho davvero ancora tanti autori da leggere e da scoprire.

Il noir, per me, è un modo di vivere, è uno status mentale, è la vita reale. Un romanzo noir non ha la pretesa di parlare di un omicidio e delle indagini che porteranno all’assassino. Un noir ti può raccontare “perché” l’assassino ha commesso un omicidio e non è detto che finisca bene. Il noir esce dagli stereotipi, molto spesso può essere un romanzo di denuncia sociale. Mi ricordo benissimo “Il sole dei morenti” di Izzo, che parlava dei clochard a Marsiglia. Un pugno allo stomaco, non si esce indenni.

NI: Perché hai deciso di aprire un blog che parlasse di  noir? 

CL:In realtà, non parlo solo di noir, ma lo sento talmente vicino alle mie corde, che ne parlo spesso. Vorrei farlo conoscere meglio, vorrei che venissero letti romanzi che esulino ogni tanto dal thriller classico, vorrei che se ne scrivesse di più e che ci fosse più interesse verso gli autori che ne scrivono. Vorrei che le case editrici dessero più spazio a questo genere.

NI: Com’è organizzato il tuo blog?

CL: Nasce intanto nel gennaio del 2011, per suggerimento di un amico, Alessio Valsecchi de La Tela Nera, dopo aver saputo che scrivevo recensioni all’interno di un forum (ora chiuso per decisione degli Amministratori del sito), in cui sono stata moderatrice per più di quattro anni. E, senza avere la benché minima conoscenza di linguaggi html o simili, l’ho creato da sola e ho cominciato con le recensioni. Ora trovi spazio per le interviste – realizzate grazie ad alcune case editrici che da contatti direttamente con gli autori – Libri in arrivo, Segnalazioni particolari – Uno spazio chiamato “Divagando” in cui si trovano romanzi di ogni tipo, oltre a una rubrica creata da poco dove intervisto i traduttori. Se ne parla troppo poco di questa categoria e spero abbiano maggiore visibilità. Lavorano davvero duramente!

NI:Quanto tempo dedichi al tuo blog?

CL:Considerando che per me il blog è quasi terapeutico, la scrittura intesa come sfogo, ci passo molto tempo. Esco dal lavoro – dove uso il pc per quasi otto ore – e ci dedico almeno un paio d’ore tutti i giorni.

NI:Cosa vorresti trasmettere con “Contorni di noir”?

CL: la lettura ci può salvare da quel “mostro” sempre in agguato che si chiama Ignoranza. Che leggere aiuta a scrivere meglio. Che non possiamo permetterci di vivere in un limbo di apatia e anestetizzazione delle emozioni.

NI:Credi dunque che i blog siano un veicolo per la cultura e possano diventare un riferimento per i lettori noir? 

CL: Io mi auguro che i blog possano diventare un punto di riferimento per tutti, dalle case editrici che capiscano l’importanza che il web ricopre per veicolare le informazioni, ai lettori noir – ma anche gli altri – che trovino un punto fermo, un porto sicuro, dove troveranno sempre – lo spero – una risposta. O semplicemente uno spunto di lettura.

NI: Cosa porta i  lettori a seguire dei blog noir? La voglia di approfondire, di conoscere gli autori, di avere consigli sui romanzi da leggere o dalla semplice curiosità ?

CL: Ormai la rete è diventata il primo canale di ricerca e di comunicazione. Qualsiasi tipo di ricerca, viene effettuata tramite il web. Puoi conoscere con maggiore facilità lo scrittore italiano o quello straniero,  e gli scrittori si sentono più vicini ai lettori, perché hanno la possibilità di apprendere direttamente da loro il parere sul romanzo pubblicato. Lo stesso vale per i blog noir: i lettori hanno a portata di mano un canale di approfondimento, sulla recensione di un libro, o sull’intervista a un autore.

NI: Come giudichi la tua esperienza di blogger noir?

CL: Ho cominciato quasi per scherzo, senza crederci veramente. Ma con il passare del tempo, è accresciuto il blog ed è accresciuto il mio entusiasmo.  E’ come se fosse un figlio, lo alimenti, gli insegni a camminare. E a un certo punto acquisisce una sua personalità.

NI: Ti ringrazio. Regalaci una frase noir.

CL: “Solo quando il mondo ti crolla addosso scopri l’orrore. Che nel mondo esiste l’orrore. Perché sei sbattuto in un’altra vita e incontri gente di cui non avevi nemmeno immaginato l’esistenza, né il dolore”.

Nessuno di noi è salvo, davanti alle brutture della vita. Solo la forza e la tenacia di resistere non ci farà cadere nell’oblio.

La prima è di Izzo, la seconda è la mia ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...