Conosciamo SugarPulp


SugarPulp è un’associazione culturale nata a padova, che si propone di raccontare e di valorizzare il noir radicato nel territorio. In questi giorni si sta tenendo lo SugarPulp Festival, che vede impegnati numerosi autori del panorama poliziesco italiano.Andrea Andreetta è il vicepresidente di SP e gli ho chiesto di raccontarci la loro storia e il loro modo di vivere il noir.

Noir Italiano: Ciao Andrea e benvenuto a Noir Italiano. Io prendo un Negroni, rigorosamente Sbagliato. Tu?

Andrea Andreetta: Uno Spritz, rigorosamente Sugar!

NI: Cosa significa per te noir?

AA: Massimo Carlotto se parliamo in termini nazionali e non vedo altro all’orizzonte. Se allunghiamo lo sguardo verso l’estero il significato di noir prende forma dalle penne di James Ellroy, Jean-Claude Izzo e Joe Lansdale mito personale assoluto. Devo dire che sono un amante dell’hard boiled più che del noir puro, partendo da Chandler (Il lungo addio) fino a quel pazzo scatenato (in senso buono) di Victor Gischler.

Qui devo menzionare il lavoro di Matteo Strukul come editor del progetto Revolver (Edizioni BD) che ha il merito di aver proposto delle chicche, l’ultimo di P.G. Sturges (La scorciatoia) e il tartan noir di Guthrie (Dietro le sbarre) facendomeli amare a prima vista.

NI: Cos’è l’associazione Sugarpulp e com’è nata?

AA: Sugarpulp nasce da parecchie serate alcoliche e da tanta voglia di gridare al mondo che anche a Padova si fa cultura. Ideatori del movimento letterario sono stati nel 2009 Matteo Righetto e Matteo Strukul, ma subito un piccolo gruppo di scrittori hanno fatto massa critica, da qui i nomi degli altri co-fondatori come Giacomo Brunoro, Elena Girardin, Carloalberto Fornea, Marco Busatta e Carlo Vanin. Poi sono arrivato io, la Serena Casagrande, Thomas Tono, Irene M. Cesca e Lorenzo Lazzarini. Di fatto ho appena elencato il board direttivo di Sugarpulp.

Oggi contiamo quasi 150 iscritti e di fatto siamo diventati trasversali, letteratura, fumetto, cinema, fotografia e tutto quello che sono le arti in genere l’importante è che sia Sugarpulp! Da movimento letterario, oggi riconosciuto come “letteratura Sugarpulp” da Lansdale e Carlotto, a contenitore culturale omnicomprensivo che segue le semplici regole descritte nel Decalogo di Matteo Righetto.

Essere barbabietole, il nome informale che ci identifica, oggi è pensare che la cultura non si fa solo nei salotti buoni o con la Letteratura (L maiuscola) ma sotto l’ombrellone, per strada, nei locali e per farlo utilizziamo i generi letterari e tanta fantasia.

NI: Qual è lo scopo che si prefigge l’associazione?

AA: Principalmente di far leggere tutti quei ragazzi che per vari motivi non sono stati baciati dalla passione per le lettere stampate, oggi bisognerebbe dire visualizzate. In seconda battuta rafforzare la propria capacità di comprensione attraverso la scrittura e terzo scopo fondamentale è di far incontrare i lettori/scrittori con mondi professionali come l’editoria e docenti per poter creare osmosi senza barriere tra tutti. Compito non facile vista l’autoreferenzialità italiana in tutti i settori. Dimenticavo in tutto questo ci divertiamo pur sacrificando gran parte del nostro tempo libero.

NI: Attraverso quali canali si muove Sugarpulp?

AA: Ovviamente il web, ad oggi il nostro network è composto da ben sei siti. Sugarpulp (http://sugarpulp.it ) dedicato alla pubblicazione di racconti inediti, interviste e con rubriche su libri, fumetti, film, serie TV, animazione, ecc.. Sugardaily (http://blog.sugarpulp.it ) il blog delle barbabietole dove di discutono argomenti d’interesse generale dalle arti figurative al gossip editoriale. Sugarspritz (http://spritz.sugarpulp.it) il canale delle presentazioni, libri, comics e altro, che durante l’anno teniamo per Padova e provincia. Sugarpulp Festival (http://festival.sugarpulp.it ) il portale della nostra festa annuale che quest’anno si terrà dal 28 al 30 settembre a Padova, siete tutti invitati!. Scuola Twain (http://www.scuolatwain.it/web ) dove si possono trovare tutte le informazioni sul progetto etico/gratuito che portiamo nelle scuole venete. Agorà (http://www.scuolatwain.it/blog ) il punto d’incontro tra la filiera editoriale, il mondo accademico ed autoriale.

Oltre al web classico ci muoviamo attraverso i social media più noti, come Facebook e Twitter, sui quali riproponiamo una parte dei contenuti. Non dimentichiamo i canali Youtube e Vimeo con innumerevoli video Sugarpulp e Scuola Twain.

Il network è lo specchio amplificatore di tutte le nostre attività sul territorio, il contatto è ancora il più grande canale comunicativo esistente.

NI: Cosa deve fare un autore o un appassionato che volesse collaborare con voi?

AA: Semplicemente scegliere come vuole collaborare e sul sito istituzionale troverà tutte le informazioni e contatti per farlo. Non abbiamo preclusioni di sorta se l’autore o il collaboratore crede con passione in questo movimento.

NI: Come vedi la situazione della cultura noir in Italia? 

AA: Come detto prima non vedo molto se restiamo sull’etichetta noir. Voglio essere ottimista e dire che grandi cambiamenti saranno dettati dal cambio di media: carta/bit. I piccoli editori, se veloci, possono ritagliarsi una notevole fetta di mercato con nuovi nomi, rischiando meno, senza per questo utilizzare i canali tradizionali. Purtroppo l’argomento è talmente vasto che richiederebbe molto tempo, facciamo un’altra volta.

NI: Associazioni come la vostra hanno anche il pregio di accorciare le distanze tra autori e lettori. Come giudichi questo tipo di scambio?

AA: FONDAMENTALE, l’associazione è nata per questo e ben vengano i blog come NI et simili, più si accorciano le distanze meno il messaggio meramente pubblicitario ha spessore.

NI: Ti ringrazio. Regalaci una frase noir.

AA: Ti lascio con il motto storico delle barbabietole “Il Nordest, la Bassa, la grande Pianura Padana non sono più – da oggi – un Paese per Vecchi”

Se vuoi saperne di più su SugarPulp, dai un’occhiata a:

Uno spritz con Matteo Righetto

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...