Una birra con Bruno Morchio


Bruno Morchio, genovese classe 1954, è lo scrittore che ha inventato il personaggio del detective ligure Bacci Pagano. Nei suoi libri unisce una vena spiccatamente noir a un profondo amore per la sua terra e per le sue contraddizioni. L’abbiamo invitato per scoprire il suo modo di vivere la scrittura ed il noir.

Noir Italiano: Ciao Bruno e benvenuto. Posso invitarti a bere una birra? Per me una weiss, bella fresca ma senza fetta di limone.

Bruno Morchio: per me una rossa forte, diciamo eku28

NI: Cominciamo. Cosa significa per te noir?

BM: Rottura della gabbia del genere: con il noir il poliziesco si emancipa e si riconnette alla grande letteratura otto-novecentesca. L’interesse del lettore si sposta dal giocattolo dell’enigma e si appunta sulle relazioni sociali e umane, sui personaggi, sugli ambienti e sulla tragedia del vivere. A quel punto l’indagine diventa un filo rosso che consente di scandagliare le magagne della società. Come diceva Manchette: il poliziesco si preoccupa della società, il noir della persona.

NI: Cosa rende Genova una città noir?

BM: Il G8 è probabilmente l’evento più noir che ha funestato la città. In realtà Genova, soprattutto dopo le ultime elezioni amministrative, si è confermata città rouge, altro che noir. Certo i carruggi, con le loro luci e ombre improvvise, si prestano a diventare lo sfondo di storie a tinte forti, e il mare e il porto, elementi costitutivi del paesaggio urbano, la caratterizzano come scenario del noir mediterraneo.

NI: Pensi investigatore privato e vengono in mente gli stereotipi duri alla Chandler. Com’è possibile proporre un detective italiano che sia anche un personaggio noir plausibile?

BM: Bacci Pagano è un investigatore privato fortemente caratterizzato in quanto genovese, per la sua storia e il bagaglio di memoria di cui è portatore (basti pensare a Rossoamaro).
Anche Marlowe, del resto, era un duro dal cuore tenero.

NI: Quando scrivi parti da una scaletta ben precisa oppure ti lasci guidare dalla scrittura?

BM:Solo per Colpi di coda, che è una complessa spy story, ho dovuto ricorrere alla scaletta. Generalmente parto da un’idea, un nucleo drammatico, e poi mi lascio guidare dalla scrittura.

NI: Il noir è invenzione, certo, ma anche verosimiglianza e documentazione, altrimenti il lettore si sente preso per il naso. Come affronti la cosa?

BM: Documentandomi; del resto oggi, grazie a Internet, è molto più facile raccogliere informazioni sugli argomenti più disparati. Naturalmente non basta: generalmente prima di scrivere vado a parlare con le persone giuste (da magistrati a capitani di lungo corso a partigiani ecc.). Ho scoperto a mie spese che le notizie del web vanno sempre accuratamente verificate

NI: Il consiglio che daresti a un autore che volesse avvicinarsi al genere noir?

BM: Leggere leggere leggere. Partire dagli autori più importanti e noti, americani ed europei, e non limitarsi agli scrittori di romanzi polizieschi. Personalmente penso che esista una struttura narrativa, una sorta di contenitore, qualificabile come “noir”, ma che parlare di scrittura noir sia una sciocchezza. La scrittura narrativa può essere buona o cattiva, ma non esiste una specificità che la qualifichi in quanto noir.

NI:Il noir può anche essere utilizzato per smascherare le “storture” della nostra società oppure è solo un genere d’intrattenimento?

BM: Come tutta la letteratura di livello il buon noir non è puro intrattenimento, anche se deve procurare piacere al lettore.

NI: Ti ringrazio. Regalaci una frase noir.

BM: Se nel primo capitolo di un libro compare una pistola, prima della fine qualcuno la farà sparare (Viktor Sklovskij).

 

Se l’argomento t’interessa, allora dai un’occhiata a:

Intervista a Carlo Frilli, della Fratelli Frilli Editore

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...