Noir Italiano segnala: Orasenzombra


“Orasenzombra” è il nome di un evento letterario creato e presentato da Daniela Basilico e Fabrizio Canciani, che ha appena concluso la stagione 2011-2012 con un grande successo di pubblico. Si tratta di presentazioni letterarie originali, durante le quali si mescolano musica, letteratura e cultura. Si svolgono con cadenza settimanale all’Hotel Adimiral di Milano. Ho invitato Daniela e Fabrizio a parlarcene.

Noir Italiano: Ciao Daniela e Fabrizio e benvenuti su NI. Cosa beviamo di bello? Io prendo un Campari con ghiaccio, che a Milano si schiatta di caldo…

Daniela Basilico: Io sto sul classico e vado di prosecco. Ma uno non mi basta.

Fabrizio Canciani: Una sambuca con ghiaccio, visto il clima.

Noir italiano: Cos’è “Orasenzombra”?

DB: E’ un web magazine di entertainment culturale che abbiamo creato per dar vita a un viaggio composto da incontri, frammenti, curiosità e pulsioni dove nel termine entertainement abbiamo racchiuso “tutto quanto fa spettacolo”, dalla letteratura al cinema, dal teatro alla musica. Partendo dal sito abbiamo creato in contemporanea Orasenzombra Book On Stage- Admiral Lab, la nostra rassegna di eventi che ha luogo a Milano ogni giovedì sera.

FC: Orasenzombra è soprattutto un modo di mettere on stage i libri e in ostaggio gli autori.

NI: Perché avete scelto questo nome?

DB: Il nome l’ha trovato Fabrizio che è rimasto affascinato dal libro di Osvaldo Soriano dal titolo omonimo. Io non lo conoscevo ma quando me l’ha fatto leggere sono stata totalmente d’accordo perché rispecchia perfettamente il mood che avevamo in mente quando abbiamo deciso di dar vita a Orasenzombra.

FC: Sono un grande appassionato di Soriano, aspettavo solo l’occasione per omaggiarlo. Il titolo del libro è “L’ora senz’ombra”, recitarlo tutto attaccato ha un effetto musicale, provaci, crea già un’atmosfera particolare. Quella che ci serviva.

NI: Cosa trova il lettore che viene ad assistere a una presentazione di “Orasenzombra””?

DB: Una serata spettacolo. Uno show ogni volta diverso in cui la parte letteraria si fonde con quella teatrale e musicale. Insieme all’autore del libro che presentiamo, sul palco si alternano svariati ospiti sempre di alto livello, che danno vita a una serata di intrattenimento a 360°.

FC: “intrattenimento culturale” non è una contraddizione in termini, anche se ce lo vogliono far credere. Chi viene alle nostre serate deve sapere che non si troverà di fronte il solito scrittore dall’aria annoiata che pensa “che figo che sono” davanti a quattro spettatori annoiati davvero, bensì il tentativo di allestire intorno a un libro (o semplicemente con il pretesto di un libro) un talk show tutt’altro che ingessato ma che non  perde di vista la dignità artistica e letteraria di ciascun partecipante. Cioè, voglio dire, se come afferma il mio amico Gilardi la media degli spettatori nelle presentazioni di libri in Italia è di 4,3 periodico di presenze, ci sarà un motivo (vorrei tanto conoscere quel 3 periodico). In realtà non ho fatto altro che portare a orasenzombra la mia esperienza personale, le presentazioni dei miei libri alla mitica “libreria del giallo” hanno coinvolto personaggi come Enzo Jannacci, Flavio Oreglio, Gianfranco Manfredi, e così via. E con Daniela, che ha vissuto direttamente quegli appuntamenti e in quel momento dirigeva un periodico (non il virgola 3 …) cercando di “colorare” a suo modo il noir e il mistero, è stato facile trovarsi sulla stesso lunghezza d’onda: ondasenzombra o orasenzonda.

NI: Ha ancora senso, nell’era di internet, dei video su You Tube, delle conferenze, fare delle presentazione dei libri?

DB: Ha senso nel modo in cui le facciamo noi, che ci siamo inventati questa formula proprio per superare la noia delle presentazioni classiche. Nelle nostre serate il libro è il protagonista  attorno a cui ruota tutto lo spettacolo, ma non è un protagonista fine a stesso, come invece accade nelle presentazioni ordinarie. Chi partecipa alle nostre serate assiste a un vero e proprio spettacolo in cui la commistione delle arti è la vera protagonista e questo suscita il grande interesse sia da parte del pubblico che da parte degli autori, che sempre più numerosi ci chiedono di essere ospiti della rassegna.

FC: Sì, ha ancora senso.

NI: Come può un autore mettersi in contatto con voi per proporsi per una presentazione?

DB-FC: Basta scrivere un messaggio privato sulla pagina Facebook di ORASENZOMBRA, oppure inviare una mail a info@danielabasilico.com.

NI: Io sono dell’idea che i libri vadano letti e non spiegati, altrimenti significa che sono scritti male. Perché dovrei ricredermi?

DB: Perché quello che facciamo durante le nostre serate non è mai spiegare un libro, ma dar voce all’autore che ogni volta racconta aneddoti e particolari della sua esperienza di scrittore, ed è questo che al pubblico interessa. Spiegare un libro non avrebbe alcun senso perchè oltre a togliere l’effetto sorpresa, toglierebbe al lettore anche il gusto di leggerlo.

FC: Ah sì? Allora spiegami l’Ulisse di Joyce sapientone… scherzo. Il libro non si spiega al massimo si spiegazza quando ti ci addormenti sopra, a letto.

NI: Il futuro di “Orasenzaombra”?

DB: Il web magazine sarà sempre più ricco di contenuti che verranno pubblicati con la solita frequenza settimanale, si arricchirà inoltre di nuovi contributi e collaborazioni importanti. Le serate di Orasenzombra Book On stage Admiral Lab riprenderanno  a settembre, e abbiamo già una lista di ospiti prestigiosi che saliranno sul palco dell’Admiral. Abbiamo poi in mente un progetto che è alla fase iniziale di realizzazione di cui sentirete ben presto parlare.

FC: Un futuro luminoso, senza ombre, come dice la parola stessa.

NI: Siete stati gentilissimi. Regalateci una frase noir…

DB: Per la prima volta, misi in conto che capire non mi sarebbe probabilmente bastato. Capire significa aprire una porta, ma raramente si sa cosa c’è dietro. (Jean Claude Izzo, Casino Totale)

FC: – Chi è quello?

– È il commissario che ci ha dato i permessi per gli esterni. E’ venuto a vederti girare.

– Vado forse io a vederlo fare gli interrogatori?  (da “Effetto Notte” di François Truffaut )

Annunci

Una risposta a “Noir Italiano segnala: Orasenzombra

  1. Orasenzombra è una magnifica fusione sinestetica di aneddoti personali dell’autore, brani del libro di cui racconta la genesi letti da “The Voice” Tony Rucco, musica ed interventi del pubblico in sala. Insomma una fucina di emozioni di cui si può – si deve – parlare via web, ma che per percepirne l’effetto bisogna si varchi “quella porta” (almeno quella dell’Admiral)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...