Una grappa con Alberto Custerlina


Alberto “Al” Custerlina, è un uomo dai due volti. Consulente informatico di giorno e autore prettamente noir di notte. Profondo conoscitore dei Balcani e della zona di confine che è la provincia di Trieste, per noi è un piacere sorseggiare una Slivovitz (grappa di prugne tipica della zona), per chiacchierare su scrittura e noir.

Noir Italiano: Ciao Alberto, benvenuto a Noir Italiano. Che ci beviamo? Io, dato il tema, prendo un bicchere di Slivovitz. Tu?

Alberto Custerlina: Lo slivovitz va benissimo anche per me.

Noir italiano: Cosa significa per te “noir?”

AC: C’è un fraintendimento di base sul termine, soprattutto in Italia. Con qualche eccellente eccezione, oggi sembra che per scrivere un noir basti avere un omicidio, l’indagine di un investigatore con problemi personali, qualche sparatoria e una spruzzata (o una carrettata) di degradazione e/o perversione. Naturalmente il noir non è (solo) questo, basta pensare alla sua storia, che inizia con certa cinematografia statunitense a cavallo della Seconda Guerra Mondiale per poi passare in Francia nel dopoguerra (dove finalmente prende il nome “noir”) e fa irruzione anche nella letteratura.

In altre parole, possiamo sostenere che oggigiorno spesso si confonde il noir con il thriller e quando va bene con il poliziesco (giallo) a tinte scure o, come dicono bene gli anglosassoni, con la “crime fiction”.

Naturalmente, questa faccenda la potremmo anche considerare come l’evoluzione di un termine che nel tempo ha acquisito una nuova accezione, ma io preferisco usare il termine “noir” nel suo significato tradizionale. Per finire e per onestà intellettuale devo dire che non considero dei noir neppure i miei romanzi.

NI: Cosa rende Trieste una città da noir?

AC: Apparentemente nulla, oppure tutto. La posizione geografica di Trieste la rende una via di passaggio molto frequentata dalle organizzazioni criminali (e spionistiche) per i loro traffici illegali e proprio per tale motivo è necessario che questa città resti tranquilla, uno stagno immoto in cui è assolutamente vietato gettare sassi. Forse il lato noir di Trieste sta negli eventi criminali locali, spesso legati al disagio psichico o sociale.

NI: Il tuo delitto perfetto?

AC: Il delitto perfetto è quello che si sta perpetuando  nei confronti della Cultura, sia essa accademica che popolare. Tutti noi assistiamo immobili a un progressivo calo della capacità (e della volontà) di giudizio nelle persone e al conseguente aumento delle vendite di prodotti culturali massificati che di solito coincidono con una qualità molto scadente. E non mi riferisco soltanto alla letteratura, ma anche alla musica, tanto per fare un esempio che conosco abbastanza bene.

NI: Cosa significa l’espressione “Turbo noir”?

AC: Durante la guerra civile jugoslava, in Serbia era nato un genere musicale che fondeva la disco music al folk balcanico. Si trattava del Turbo Folk, oggi ancora molto ascoltato in quelle terre (anche fuori dalla Serbia). Quand’era uscita sul web una proposta/polemica sul post-noir, io avevo coniato il termine turbo-noir, in quanto i miei romanzi sono ambientati proprio nei Balcani. Una piccola provocazione, nulla più.

NI: Quanto tempo dedichi in media alla scrittura?

AC: Tutto il tempo possibile. Purtroppo, come quasi tutti i colleghi, non posso sostentarmi solo con la scrittura, quindi lavoro regolarmente come consulente informatico. Scrivo la sera e la notte, durante i weekend e quando sono in ferie. Per darti un dato numerico, diciamo che nella fase di stesura e di revisione scrivo mediamente per 2 ore al giorno.

NI: Quando sei a caccia d’idee, come ti comporti?

AC: Sono sempre a caccia d’idee, qualsiasi cosa io faccia, infatti ho nel computer una tale quantità di spunti da poter scrivere almeno altri quattro o cinque romanzi. Sul piano pratico, all’inizio di ogni romanzo mi documento molto e da questa attività scaturiscono altre idee, che poi introduco nella storia via via che la scrivo.

NI: Il consiglio che dai a un autore esordiente che volesse avvicinarsi al noir?

AC: Ci sono moltissimi autori esordienti o emergenti che hanno scelto il cosiddetto noir solo perché va di moda e quindi, senza avere il necessario bagaglio culturale ed esperienziale, l’hanno identificato come il genere giusto per riuscire ad arrivare alla pubblicazione. E infatti i risultati si sono visti: la maggior parte di queste persone hanno scritto romanzi da far accapponare la pelle per sciatteria, conformismo e scarso spessore. Certo, sono riusciti a pubblicare senza pagare, ma non per merito personale, bensì grazie all’industria editoriale attuale, che lavora più sulla quantità che sulla qualità. Quindi, a un esordiente consiglio di farsi un bel esame di coscienza. Superato eventualmente questo primo momento, allora gli/le consiglio di adottare la massima autocritica possibile e di lavorare sulla propria scrittura e sulle proprie idee con dedizione e devozione maniacali. Solo in questo modo si potrà raggiungere la vera qualità nei propri lavori.  Questo per quanto riguarda la scrittura in generale.

Sul noir, posso dire che c’è bisogno di innovare, per cui si debbono evitare i soliti cliché. Inoltre, bisogna essere veramente oscuri dentro. Uno scrittore di noir non può essere una mammina felice oppure un ingegnere appagato dalla vita, perché in questo caso gli consiglierei di dedicarsi ai gialli, ai thriller o ai rosa. Oppure, semplicemente, sarebbe meglio scegliesse di non scrivere.

NI: Il noir è fantasia ma anche documentazione e verosimiglianza. Come affronti la cosa?

AC: E’ fantasia nel senso che le storie, in linea di massima, sono inventate, ma come dici tu questo genere richiede comunque un fortissimo aggancio con la realtà (com’era per il Naturalismo, per esempio). Io affronto la questione dedicando moltissimo tempo alla documentazione e alla revisione, odio la sciatteria e quando in un romanzo che sto leggendo trovo errori relativi alla scarsa documentazione o alla troppa approssimazione, lo casso senza pietà e nemmeno finisco di leggerlo, perché sento di essere stato tradito dallo scrittore.

NI: Ti ringrazio. Regalaci una frase noir…

AC: Non saprei, non sono uno scrittore di noir.

Annunci

Una risposta a “Una grappa con Alberto Custerlina

  1. Pingback: Cul-de-sac . Alberto Custerlina | controappuntoblog.org·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...