Un caffè con: Barbara Baraldi


Barbara Baraldi, è autrice noir di romanzi e antologie di racconti, nonchè sceneggiatrice di graphic novel a sfondo nero. Noir Italiano prende un caffè con Barbara, per parlare di noir e della scrittura nera.

Noir Italiano: Ciao Barbara e benvenuta. E’ un onore per me intervistarti. Io prendo un caffè. Tu?

Barbara Baraldi: un caffè amaro andrà benissimo, grazie.

NI: Cominciamo: cosa significa per te noir?

BB: Illuminare le zone oscure dell’animo umano, porsi domande con la consapevolezza che difficilmente si otterrà una risposta.

NI: Io ho conosciuto il lato oscuro di Bologna tramite i romanzi di Macchiavelli. Cosa rende questa città un luogo noir?

BB: I vicoli medievali, la storia ricca di conflitti e guerre civili sanguinose, la posizione strategica nelle comunicazioni che ha rivestito in passato e che riveste tuttora, le personalità borderline che ne hanno segnato la storia, e l’impareggiabile sensazione di far parte di qualcosa di magico che si prova attraversandone i portici.

NI: Mi piacciono molto i tuoi titoli, efficaci e d’effetto, mi ricordano i titoli dei film di Argento. Come nascono?

BB: Di solito ho un titolo di lavorazione per ogni romanzo. Per La bambola dagli occhi di cristallo, per esempio, il titolo di lavorazione era Kill the dick (sorrido). Alla fine della prima stesura, poi, capisco qual è il titolo definitivo del romanzo. Sono appassionata del cinema italiano degli anni Sessanta e Settanta, e alcuni dei titoli che ho scelto sono autentici omaggi ai grandi artisti di quell’epoca che con pochi soldi ma moltissime idee riuscivano a riempire le sale cinematografiche.

NI: Cosa fai quando sei a caccia di nuove idee?

BB: Difficilmente mi trovo a caccia di idee. In genere, la necessità di scrivere una storia nasce dall’urgenza di raccontarla. Diciamo che quando mi metto alla tastiera, è perché un personaggio è venuto a tirarmi giù dal letto, o mi ha fatto sentire la sua voce all’improvviso. La mia ispirazione nasce dall’osservazione di ciò che mi circonda, i manga, le serie tv, il cinema di genere, i racconti dei vecchi del paese, la vita di tutti i giorni e le infinite domande che fa scaturire.

NI: La tua musica per scrivere?

BB: Mi piace molto la New wave, quindi in una playlist ideale non potrebbero mancare David Bowie, Depeche Mode, o Smiths. Ultimamente ascolto moltissimo anche i Placebo, Rob Zombie, i Baustelle, e tra gli italiani Marlene Kuntz, Afterhours, Baustelle e Subsonica.

NI: Un consiglio che daresti a un autore che volesse cimentarsi con il noir?

BB: Di ignorare le mode e cercare la propria unicità, la voce che ci rende riconoscibili. Di scrivere ogni giorno, perché la scrittura va corteggiata con costanza o finisce per voltarti le spalle come un’amante tradita. Di essere severi con se stessi: qualcuno prima di me ha detto che scrivere significa riscrivere (eppure ci sono autori che non si rileggono neppure). E di scrivere nel linguaggio in cui il libro vorrebbe leggerlo.

NI: Quando scrivo, sono come impossessato da un impulso creativo che mi fa pensare esclusivamente alla vicenda che voglio raccontare. Succede anche a te oppure i tuoi libri sono frutti di un lento ragionamento logico?

BB: Quando scrivo, sono ostaggio dei miei personaggi e delle loro storie, che finiscono per diventare le mie, dal tanto che mi ci immergo. La stesura di un romanzo mi assorbe totalmente e difficilmente riesco a fare altro. Naturalmente, soprattutto quando mi cimento in storie ad ampio respiro, mi faccio un’idea di massima su come la trama si dovrebbe evolvere, per evitare possibili contraddizioni o illogicità, ma non riesco a lavorare su una traccia dettagliata. Lo spazio per l’improvvisazione è determinante consentire ai personaggi di vivere.

NI: Ti ringrazio. Regalaci una frase noir.

BB: Grazie a te, e a tutti i lettori che hanno avuto voglia di leggere queste righe. E, come congedo, una ninna nanna per non dormire…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...