Vol 1: Le origini del romanzo poliziesco italiano


Il noir e il romanzo d’ambientazione poliziesca in genere non ha una vera e propria data di nascita. In letteratura esistono molti testi che denotano componenti d’intrigo e di mistero ma si tratta di casi sporadici e per lo più non voluti. Gli studiosi di letteratura poliziesca ritengono che il “giallo” come genere sia nato con la pubblicazione del romanzo “Gli omicidi della Rue Morge” (1841) di Edgard Allan Poe, nel quale fa la sua apparizione il primo detective della storia della letteratura.

In Italia il romanzo poliziesco tarda a svilupparsi, sia per il pregiudizio dei lettori che lo ritengono un sottogenere senza importanza sia per la mancanza di acume degli editori, che non investono negli autori nostrani. Mentre in Francia lo scrittore Gaboriau inventa il personaggio del poliziotto Lecocq e in Inghilterra spopolano le opere di Conan Doyle, in Italia gli unici intenti di letteratura d’intrigo e mistero sono dedicati al feulleiton. Il romanzo d’appendice è un genere che nel nostro paese vivrà un’epoca dorata dalla fine dell’Ottocento fino alla Seconda Guerra Mondiale. Si tratta di romanzi pubblicati a puntate, allegati a riviste in voga, il cui scopo alle volte è proprio quello d’incentivarne le vendite.

Il romanzo d’appendice è di per sé un progenitore del romanzo rosa. Infatti solitamente le storie vertono su amori impossibili, storie appassionanti e disgrazie personali di eroine dal cuore infranto, con le varie puntate che terminano sul più bello, obbligando il lettore ad acquistare il numero seguente della rivista. Alcuni romanzi d’appendice, soprattutto quelli del napoletano Francesco Mastriani (1819-1891), si distinguono per la presenza di elementi misteriosi e criminosi. Questi ambienterà le proprie storie nel sottobosco della Napoli povera e disagiata, nella quale si muovono senza soluzione di continuità poveri cristi e criminali prezzolati. Il romanzo “Il mio cadavere” del 1852 (sempre pubblicato a dispense) è considerato come il primo giallo italiano, romanzo nel quale si parla di eredità, miseria, figli illegittimi e morti violente.

Mastriani scriverà anche studi e racconti che hanno come protagonista la nascente camorra napoletana. I toni non sono quelli del noir (ancora di là da venire) bensì quelli canonici del verismo italiano. Anche se un paragone tra verismo e noir può apparire azzardato, i due generi hanno in comune la capacità di indagare nel tessuto sociale e nella realtà dell’ambientazione in cui si svolgono le trame.

Questo un estratto dal romanzo “I Vermi, la Camorra elegante” del 1863 (tratto da Wikipedia):

“… – Fermiamoci qui un momento – mi disse Augusto – ecco, per esempio, una curiosa partita d’écarté. Ma, prima di tutto, è d’uopo che io ti faccia conoscere questi signori. Quel giovinotto biondo è il signor conte Teofilo K…

Feci qualche protesta ad Augusto, il quale seguitò…

– Il meccanismo di questo miracolo – egli disse – sta in questo: quel giovinotto forma parte della paranza o della società…Non faccia meraviglia di ritrovare anche qui la paranza; e questa mi sembra assai più pericolosa di quelle che si stabiliscono nei camorristi di bassa mano…Questi camorristi co’ guanti paglini si ficcano nelle imprese de’ teatri, e prendono aggi scandalosi in su le scritture da essi procurate. Questa classe pericolosa non può vivere che nelle febbrili commozioni del giuoco. Non conoscendo il valore del danaro, perché avvezzi a vedersene le tasche ripiene…”

Altro caso è quello della piemontese Carolina Invernizio (1851-1916) una tra le più importanti e longeve scrittrici di romanzi d’appendice. La base dei romanzi è pressoché identica e si basa sul dualismo fra protagonisti positivi e antagonisti maledetti e cattivi, caratteristica tipica del feulleiton.

Alcuni titoli, come “La sepolta viva”, prendono spunto dal romanzo gotico (precursore del genere horror) e per le tematiche intriganti e misteriosi possono essere considerati dei prototipi di romanzi polizieschi moderni. In tutto ha pubblicato circa 150 romanzi, pubblicati a dispense su varie riviste dell’epoca.

Molti romanzi d’appendice dell’epoca prenderanno spunto da fatti di cronaca che hanno destato curiosità nell’opinione pubblica. Si tratta soprattutto di donne tradite, amanti vendicative o di uomini senza scrupoli ma non mancano le vicende d’innamorati che non riescono a coronare il proprio sogno d’amore e per questo si uccidono. I tempi sono ancora acerbi ma nei lettori italiani è stato gettato il seme che porterà al successo dei Gialli Mondadori, il primo fenomeno di massa italiano per quello che riguarda la letteratura poliziesca e noir.

Se l’argomento t’interessa allora dai un’occhiata a:

I gialli Mondadori

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...