La lezione di Macchiavelli_Parte 2


L’aspetto che differenzia Macchiavelli dagli autori precedenti sta nel fatto che nei suoi romanzi Sarti Antonio non è l’indiscusso protagonista. Nei romanzi di Scerbanenco il solo Duca Lamberti è protagonista assoluto delle vicende. I personaggi come Mascaranti, Carrua e la stessa Livia Ussaro sono solo comprimari e non prendono mai le redini della trama. Macchiavelli invece crea e plasma una serie di personaggi che rendono la vicenda gustosa e divertente. C’è Rosas, miope e bruttissimo studente dalle simpatie extraparlamentari e dal fiuto sopraffino, che aiuterà Sarti Antonio in quasi tutte le vicende e risulterà essere indispensabile per risolvere le indagini. La Biondina, prostituta bolognese della quale s’ignora il nome e di cui Sarti Antonio è innamorato. A volte appare nelle vicende, comportandosi con Sarti come una moglie amorevole. Felice Cantoni, collega di Sarti e autista dell’auto ventotto, della quale è segretamente innamorato, che scorrazza per Bologna e che risponde alle chiamate della centrale sempre a pochi minuti dalla fine del turno. Settepaltò, barbone che indossa sette cappotti e regala caschi contro le radiazioni. Infine Raimondi Cesare, ispettore capo della Questura, persona incapace e idiota, abile solo ad accaparrarsi meriti che non sono suoi. Questi personaggi non sono per nulla secondari alla figura di Sarti Antonio, bensì completano lo sguardo d’insieme sulle vicende.

E’ la rivoluzione, la lezione che Macchiavelli regala al noir italiano: trame ben costruite e verosimili, personaggi riconoscibili, caratterizzati al quale il lettore si possa “fidelizzare”, stile e scrittura semplice e veloce, senza troppi fronzoli. In tutte le vicende Sarti Antonio è seguito dal narratore, del quale si sa solo che è nullatenente e cui non viene mai offerto un caffè. A  volte dialoga con Sarti ma la sua identità non viene mai svelata.

Il personaggio di Sarti Antonio vivrà un successo incredibile con i romanzi che lo vedranno protagonista. Al primo “Le piste dell’attentato” seguirà “Fiori alla memoria”, vicenda che narra degli omicidi che ruotano intorno all’erezione di un monumento a una brigata partigiana massacrata nei dintorni di Bologna. Con i successivi “Ombre sotto i portici”, “Sui colli all’alba”, “Passato, presente e chissà” e “Cos’è accaduto alla signora perbene”, Macchiavelli firmerà una quadrilogia che racconterà una Bologna inedita, quella del decennio degli anni 70, colorata da criminali, rivolte, scioperi, immigrazione, rivoluzione culturale e dagli innumerevoli caffè bevuti da Sarti Antonio.

Il sergente diverrà talmente famoso da veder tradotte su schermo le sue imprese. Alcuni romanzi di Macchiavelli verranno portati sul piccolo schermo, divenendo ficton (anche se all’epoca si utilizzava il termine di “mini serie tv”), trasmesse dalla Rai. Il ruolo del protagonista verrà affidato all’attore bolognese Gianni Cavina. Gli sceneggiatori si prenderanno numerose libertà nel trasporre il personaggio sul piccolo schermo, cosa che farà imbestialire Macchiavelli. La Biondina, per esempio, da prostituta si tramuterà in studentessa del Dams, poiché pensare che un poliziotto potesse avere una relazione con una meretrice era qualcosa d’inconcepibile per gli anni ‘80. Macchiavelli non smetterà di denigrare la trasposizione filmica delle sue opere, scrivendo numerose prefazioni al vetriolo alle edizioni successive dei suoi romanzi, nelle quali sfiderà il lettore a paragonare il Sarti Antonio della tv con quello che si trova nelle pagine dei libri.

Qui di seguito un reperto scovato su You Tube: I titoli di testa della ficton del 1991, con la sigla cantata da Gianni Cavina.

 

Se l’argomento t’interessa, allora dai un’occhiata a:

La lezione di Macchiavelli (parte 3)

Recensione de “Fiori alla memoria”

Recensione de “Passato, presente e chissà”

Recensione de “I sotterranei di Bologna”

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...